lunedì 10 luglio 2017

Una famiglia d'alto mare di Fred B. Duncan. Appendice a cura di Karl Kortum (direttore del San Francisco Maritime Museum). Dal 13 luglio per Meridiano Zero in libreria



La storia romanzata in forma di diario della vita di una famiglia di fine Ottocento a bordo del Florence, uno degli ultimi velieri giganti per il trasporto merci… Solo qualche anno più tardi arriverà il motore, che cambierà per sempre la vita sul mare, rendendola meno avventurosa ed epica! Senza enfasi, con una memoria e una sensibilità prodigiose, Fred Duncan apre al lettore una finestra sull’epopea dei Great-Easterns, le grandi navi a vele quadre costruite nel Maine tra la fine della Guerra Civile e l’inizio del Novecento. Con esse l’economia degli Stati Uniti superava il ristretto limite nazionale per diffondersi in tutto il mondo. Con l’avvento del motore, tuttavia, anche queste signore dell’ultima vela dovettero cedere il passo. Con la scomparsa di questi velieri si chiuse una pagina affascinante della marineria. L’autore, nato a bordo del Florence nel 1887, vi trascorse imbarcato i primi undici anni della sua vita. Duncan descrive quelle che furono le sue esperienze di ragazzo, la sua infanzia passata sul prestigioso trealberi transoceanico comandato dal padre, che proprio in quegli anni batteva le rotte commerciali di tutti gli oceani. I rischi dei passaggi di Capo Horn, le tempeste nel Pacifico, le traversate da un porto all’altro, un tentativo di ammutinamento sono le esperienze giovanili dell’autore, il cui ritmo di vita era misurato sui mutamenti del clima e sulle brevi soste nei porti. Nel libro si ritrova la storia della famiglia del capitano, le lezioni che venivano impartite ai figli, i loro giochi, i brani del giornale di bordo, così come la sistemazione degli alloggi, i lavori e le manovre che si dovevano svolgere. Duncan ebbe come scuola il mare aperto e incostante, i porti esotici e rumorosi dell’Estremo Oriente e dell’Australia. L’uomo ricorda tutto con vividi particolari: le feste e i compleanni festeggiati a bordo, gli uragani di Capo Horn e il naufragio appena evitato, il genio culinario dello stewart cinese, il semplice affetto dei rozzi marinai, il brivido esaltante di avere in mano il timone, i rumori particolari dei porti stranieri, i loro odori. Un mondo libero e sicuro, dove la famiglia d’alto mare conduceva una vita intensa e inebriante.

Fred B. Duncan nacque il 14 marzo 1887 a bordo del Florence ormeggiato nel porto di San Francisco. Rimase a bordo del trealberi fino all’età di undici anni quando, nel 1898, con tutta la famiglia lasciò per sempre la nave.

Nessun commento:

Posta un commento